C’era una volta l’ortografia

Nell’era di internet e dei correttori automatici parlare e scrivere la lingua italiana correttamente è l’eccezione e non più la regola. Anzi quando ti scappa di correggere un congiuntivo ad un tuo interlocutore si crea un’atmosfera di disagio ed imbarazzo (tuo) che ti fanno maledire il momento in cui la correzione è sfuggita inconsciamente dalla tua bocca. Lo stesso imbarazzo che provi quando ti accorgi di aver scritto un ignobile refuso nella mail indirizzata al tuo capo. Un disagio continuo insomma e quindi mi domando: in quale momento si è persa la serenità dell’ortografia italiana?

Siamo animali pigri che trovano conforto e rimedio nella sottolineatura puntinata che appare magicamente ogniqualvolta componiamo uno strafalcione con la tastiera del computer o del cellulare (usare come scusa la grandezza dei polpastrelli non vale). E così tutto l’impegno e il tempo che le nostre maestre e professoresse d’italiano hanno dedicato alla nostra formazione grammaticale viene spazzata via dalla fretta e ahimè, dall’ignoranza. Ora lasciamo da parte le diverse e spregiudicate abbreviazioni che si sono incessantemente susseguitesi nel tempo da quando il mondo degli adolescenti e quello dei messaggi (o sms) si sono incontrati e hanno iniziato una relazione amorosa (perché non capirò mai quanti millesimi di secondo di differenza ci sono nello scrivere -xkè- invece che -perché-) e dedichiamoci invece alla semplice e pura ortografia dal greco ortographía composto di orthós <<corretto>>e –graphía <<scrittura>> (così per dire).

Si dice –a me piace– o –a te piace- e non -a te ti- e -a me mi- e che siano accettate dalla lingua parlata è una scusa che ormai non va più di moda. Lo stesso vale per -ma però-.

Si scrive –un po’– con l’apostrofo e non -un pò- con l’accento perché si tratta di un troncamento (e dopo questo parolone cercate di non cadere dalla sedia).

-Qual’è- o –qual è-? Si tratta di un troncamento senza accento per cui si scrive senza apostrofo sia davanti a vocale che davanti a consonante. Lo so che è difficile da accettare perché spesso lo vediamo scritto da giornalisti illustri sui quotidiani ma ve lo giuro, è così.

C’è una differenza notevole tra –da– preposizione semplice e –– terza persona singolare del verbo dare. Mentre -fa-, -sta- e -va- non hanno mai l’accento.

– si scrive con l’accento grafico solo quando è congiunzione copulativa e ha il significato di -e non-.

Si scrive –ce n’è- e non -ce nè- o -cè ne- o -c’è ne-. Essere un po’ confusi è ammesso, però…

La parola –entusiasto– non esiste (e ho avuto i brividi scrivendola) e la stessa cosa vale per –stasse– e –dasse– (traumatico).

Firmiamo tutti la petizione affinché le persone la smettano di abusare nell’utilizzo del –piuttosto che-. Soprattutto nel nord d’Italia si è creata una fazione che disdegna l’uso della tonda congiunzione –o– proprio come ha fatto con gli scalda muscoli negli anni ottanta. Ora vi svelerò un segreto: -o- e -piuttosto che- non sono sinonimi. Fatevi forza.

Capro espiatorio. Obiettivo. Familiare. Ingegnere. Aeroporto e aeroplano. Accelerare. Proprio. Purtroppo (e se state pensando -ma davvero si scrive così?- allora avete inteso e siete ancora in tempo per rimediare).

Avere dei dubbi è umano e assolutamente normale. Quindi quando vi assale una terribile perplessità ortografica perché non aprire Google e fare una piccola ricerca in pochi minuti? Avere a disposizione la Treccani su internet è una delle migliori innovazioni del ventunesimo secolo dopo lo shopping on line, anche se trovo che sfogliare il buon vecchio dizionario della lingua italiana abbia un suo fascino.

Buona grammatica italiana a tutti voi.

Annunci

3 pensieri su “C’era una volta l’ortografia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...